APATITE

LA PIETRA DELLA MOTIVAZIONE

IV chara – sistema esagonale

 

L’apatite (dal greco apatao, ingannare) più comune che si trova in natura è quella blu, ma si può reperire anche gialla, verde e grigia

Apatite burattataL’apatite rende leali e aperti verso gli altri, spinge a vivere una vita più completa. Combatte l’apatia e la depressione, allevia i dispiaceri, spingendoci a vedere gli aspetti più piacevoli della vita. L’apatite favorisce l’apertura verso il prossimo.

Se siete persone che fate difficoltà a socializzare, indossate un’apatite blu a contatto con il chakra della gola, stimola l’estroversione. Lo fa in modo delicato, in base alle vostre inclinazioni non ancora emerse.

Nei momenti d’incertezza, dove la tentazione è di restare immobili e subire gli eventi invece che viverli, l’apatite fa a caso vostro.

Ci dona vitalità ed è di aiuto nei casi di depressione causata da un periodo di iperattività che ha sfiancato.

Può esservi utile anche per mantenere la calma nelle situazioni che vi fanno perdere la pazienza.

A livello fisico mobilita le riserve energetiche e stimola la rigenerazione cellulare soprattutto a livello osseo, denti e cartilagini. Pertanto è utile in caso di artrosi, osteoporosi e fratture.

L’apatite è una pietra dalle tante proprietà. Se scegliete di lavorare con questo minerale, potete usarlo nelle sedute di cristalloterapia.

In base al colore lo posizionate sul chakra corrispondente. L’apatite blu va sul quinto chakra, quella verde del quarto, quella gialla sul terzo e quella grigia sul primo chakra.

Nelle sedute di cristalloterapia aiuta ad eliminare gli eventuali blocchi energetici dei chakra e dell’aura, portando quindi beneficio dopo aver subito un grande dispendio di energie.

Se volete dei benefici sul piano fisico e mentale è meglio indossarla come ciondolo, collana, bracciale, o portarla con se.